Convegni e Incontri
Documenti
Articoli
Sede Nazionale

MANIFESTO DI ADESIONE

A tutte le donne, uomini, anziani e giovani che ritengono doveroso e necessario impegnarsi in questo momento di trasformazione sociale ed economica che interessa il nostro Paese nel quale l’integrazione europea è diventata parte della nostra vita quotidiana, proponiamo:

un impegno basato su valori e tradizioni che hanno permesso all’Italia di trasformarsi da “terra povera” e di “dolorosa emigrazione” in un’area tra le più industrializzate del pianeta;

valori e tradizioni che si basano sul primato dell’Essere Umano e della Famiglia e sulle realtà associative che, operando in ambito sociale, economico, culturale e politico, intendono continuare la nostra tradizionale “voglia di fare insieme” anche ricorrendo agli strumenti più avanzati delle moderne tecnologie;

un’Europa dei valori, unita, aperta, diversa e più umana, che tragga linfa vitale dalle sue radici cristiane e all’interno della quale le peculiarità e le particolarità regionali e locali possano lavorare assieme per promuovere il benessere di tutti;

il tutto promuovendo un libero mercato ed una libera concorrenza che sono alla base di un “welfare” che sappia coniugare in modo equilibrato libertà individuale, responsabilità personale, sviluppo economico e solidarietà sociale.

Sono principi e valori condivisi con il Partito Popolare Europeo al quale il MOVIMENTO POPOLARE CRISTIANO per il P.P.E. si ispira ed intende aderire.

Il MOVIMENTO PER IL P.P.E. vuole essere un luogo di elaborazione e di progettualità politica, luogo di incontro e confronto, laboratorio di idee diffuso in tutto il territorio nazionale.

Riconosciamo il primato della politica come momento di sintesi ideale e come luogo di rappresentanza reale di bisogni diversi e diffusi; per una politica che rifugga le inutili conflittualità personalistiche e di parte e che riassuma i valori del popolarismo inteso come diretta partecipazione dell’Uomo – Cittadino alla costituzione del futuro suo e dei suoi Figli.

Siamo convinti assertori di un sistema elettorale proporzionale e bipolare nel quale il premio di maggioranza con sbarramento favorisca l’aggregazione fra i partiti e scoraggi la frammentazione dell’elettorato: ma intendiamo impegnarci con urgenza per modificare la legge elettorale in vigore che, con l’abolizione delle preferenze, ha di fatto eliminato ogni forma di legittimazione popolare alle classi dirigenti parlamentari.

Così pure intendiamo lavorare con grande impegno per dare vita in Italia, sul modello del Partito Popolare Europeo, al partito dei moderati e dei riformisti che, da un lato, raccolga nel proprio seno tutte le grandi tradizioni politico – culturali del nostro Paese (da quella cattolico – popolare a quella socialista riformista, da quella liberal – democratica a quella nazional – unitaria) e che, dall’altro, sia caratterizzato dalla più ampia democrazia interna e da una struttura organizzativa federale: solo le questioni riguardanti la politica estera, la politica economica nazionale e la politica istituzionale devono essere riservate alla competenza del livello nazionale del partito, mentre tutto il resto (compresa la selezione delle classi dirigenti locali e nazionali) deve essere affidata alle istanze locali e regionali.

La politica non deve essere esclusivamente strumento per vincere le competizioni elettorali, ma deve agire per salvaguardare e costruire anche gli interessi delle generazioni future, alle quali dobbiamo saper garantire quel lungo periodo di pace, di libertà e di benessere che i nostri padri hanno assicurato a noi.

Sosteniamo con forza l’idea di uno Stato Federale che sappia essere popolare e che nelle sue articolazioni territoriali riconosca le funzioni costituzionalmente garantite dei Comuni, delle Province, e delle Regioni.

Viviamo l’autonomia locale come forma di massima libertà, esaltando la partecipazione responsabile nel rispetto del principio di sussidiarietà in quella prospettiva europea che oggi ci appartiene. Una sussidiarietà tuttavia che deve riguardare non solo le istituzioni, ma anche il rapporto tra istituzioni e società civile; ciò che può fare meglio il cittadino, singolo o associato, non deve essere fatto dalle istituzioni pubbliche.

Diamo vita, dunque, ad un modello di valori e di democrazia che sappia coinvolgere tutti coloro che fanno riferimento agli ideali e ai programmi del Partito Popolare Europeo, tutti coloro che con entusiasmo e motivazione ideale intendono mettere a disposizione le propria intelligenza, capacità e professionalità per il bene comune.